Home Stampa 3D Introduzione al nuovo riempimento: Infill Gyroid

Introduzione al nuovo riempimento: Infill Gyroid

0
386
infill gyroid

Oggi introduciamo un nuovo tipo di riempimento, l’infill gyroid. Quando si tratta di strutture di riempimento siamo abituati ad avere a che fare con figure geometriche piuttosto semplici. I più famo si ed utilizzati ad oggi sono: Griglia, rettilineo, nido d’ape e cubico. Le possibilità di scelta ovviamente non si limitano a questi 4, ma questi risultano sicuramente i più utilizzati. I motivi principali sono la struttura resistente unita alla bossibilità si essere stampati a velocità elevate. Ogni tanto gli slicer implementano la palette degli infill utilizzabili. Ultimamente Cura 3 ha introdotto gli infill a punta di lancia (per minimizzare le ritrazioni) e a quarto di cubo (per diminuire il materiale a parità di resistenza).

Infill Gyroid

Ora è arrivato un’altro infill, il gyroide.

Un gyroid è una struttura naturale che si trova nelle ali delle farfalle, é la struttura che permette una ottima rigidità e resistenza associata a bassa densità, quindi minor peso. E’ presente anche all’interno delle membrane all’interno delle cellule.

Nel 2017, i ricercatori del MIT hanno studiato la possibilità di utilizzare la forma del gyroide per trasformare materiali bi-dimensionali, come il grafene, in un materiale strutturale tridimensionale con una bassa densità e un’elevata resistenza alla trazione. Trasformando così un materiale come il grafene, bidimensionale, in tridimensionale. Durante i test è stato anche scoperto che l’aspetto cruciale di queste proprietà era la struttura stessa della gyroide e che altri materiali, come la plastica potevano trarne beneficio.

Appresa questa notizia Supermerill, sviluppatore di Slic3r si è messo subito al lavoro e ha integrato l’infill Gyroid tra le possibili scelte applicabili. Tra poco sarà implementato anche nello Slic3r Prusa Edition.

Puoi scaricare una versione di Slic3r con riempimento di gyroide dal sito ufficiale: https://slic3r.org/.

Dagli esperimenti condotti è ragionevole concludere che il gyroide aumenta molto la resistenza meccanica pura e un poco anche la forza compressiva.

Quando usare l’infill gyroid?E quando gli altri infill?

Se la tua stampa richiede resistenza meccanica, usa l’infill gyroid.
Altrimenti se la stampa richiede forza di compressione trasversale o in entrambe le direzioni, utilizza il cubico.
Se la stampa richiede solo forza di compressione perpendicolare, utilizzare il triangolo.

Conclusioni

L’infill Gyroid è un’altra freccia al nostro arco, che ci può davvero aiutare per rinforzare le stampe senza un’uso eccessivo di materiale. Oltretutto, come ogni struttura naturale oltre ad avere proprietà meccaniche stupefacenti è anche bellissima alla vista. Nelle foto qui sotto potete vedere l’armonia delle forme che da la sensazione di leggerezza e una resistenza strabiliante, questa è la natura!

infill gyroid

 


Se avete trovato utile questa guida mettete MI PIACE alla nostra pagina Facebook per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del Blog! Potete trovare molte altre guide sulla stampa 3D nella nostra sezione GUIDE!

 

 

Share
Load More Related Articles
Load More By italia3dprint
Load More In Stampa 3D

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Check Also

Fiido D2 – Tutto quello che volete sapere

Facebook Google + L’ultima arrivata in casa è la bicicletta elettrica FIIDO D2. E…