Home Problemi comuni Riempimento debole – infill debole? ecco come si può rinforzare!

Riempimento debole – infill debole? ecco come si può rinforzare!

0
4,435

Riempimento debole – infill debole? ecco come si può rinforzare!

L’infill rappresenta l’ossatura della stampa 3D e svolge un ruolo fondamentale, sia per la robustezza finale del modello stampato sia come supporto per gli strati che ci si appoggiano, come già citato negli articoli per evitare il pillowing o i fori sulle facce di stampa, e si deve evitare il più possibile di avere un riempimento debole.

Vi proponiamo qui di seguito qualche accortezza per migliorare la qualità del vostro riempimento:

Iniziamo con il dire che normalmente il riempimento viene stampato molto più velocemente rispetto alle pareti del modello. Questa velocità a volte si rivela controproducente ed eccessiva.

L’estrusore non riesce a tenere il passo e crea un fenomeno di sottoestrusione. La maggior parte delle volte la sola riduzione del 20%/30% della velocità risolve l’ammanco di infill.

Se non dovesse bastare la riduzione di velocità ad avere un infill più resistente si potrà provare aumentandone la percentuale. Già passare da un infill del 10% al 25% renderà il riempimento molto più solido e quindi più resistente.
Anche la modifica della trama può avere dei vantaggi qualche volta. Scegliere una trama più fitta può rinforzare il modello senza stravolgerne le impostazioni.

Alcuni software consentono anche la modifica dello spessore dele pareti dell’infill, che quindi invece di essere della larghezza dell’estrusore sono 2/3 volte più grandi. Questo contribuisce esponenzialmente sia a rinforzare il modello sia a scongiurare problemi di poca coerenza dell’infill, che rende l’infill debole
Ovviamente il raddoppiare la linea che il software segue per stendere l’infill farà si che lo slicer dimezzerà il numero di linee usate, ampliando gli spazi aperti. La raccomandazione che ci sentiamo di fare è: se decideste di usare la linea dell’infill di dimensione doppia ricordatevi di raddoppiare il valore dell’infill, tripla triplicarlo e così via.

Se avete trovato utile questo articolo mettete MI PIACE alla nostra pagina Facebook per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del BlogAlla sezione Problemi Comuni potete trovare le soluzioni a tutti i vostri dubbi !

Share
Load More Related Articles
Load More By italia3dprint
Load More In Problemi comuni

2 Comments

  1. Luca

    4 Gennaio 2019 at 13:23

    Bel articolo, avrei bisono di un consiglio, in oggetti dalla forma geometrica “standard” tipo parti meccaniche, esiste un tipo di trama infill preferibile (linea, cubo, ecc..) ?

    Reply

    • italia3dprint

      8 Gennaio 2019 at 14:57

      Ciao Luca! Ottima domanda quella che poni. Diciamo che l’infill cubo ad una certa percentuale 25%+ garantisce un’ottima robustezza. Se però volessi combinare resistenza a leggerezza e risparmio di materiale dovresti optare per “quarto di cubo”. Una delle nuove trame di infill proposte da Cura 3.0 +.

      Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Check Also

Prevenire il warping – ecco qualche trucco

Facebook Google + Come possiamo prevenire il warping? In questo breve articolo proveremo a…